Si può vivere in Brasile con 1700 € al mese?


Un interessante dibattito si è creato nel gruppo Italians doing business in Brasil, su Linkedin, nel quale partecipo.

Stefano Barale ha riassunto bene sul vivere con 4000 R$ al mese (1770 € ad oggi) , per un italiano/straniero che ri-inizia in Brasile.

a) è vero che ci sono Brasiliani che vivono con meno (ma tu non sei Brasiliano e non sei abituato a fare “jogo de cintura” come loro (!). Sei abituato ad agi e stile di vita ben differenti e soprattutto al fatto che esiste un limite a quanto ti possono andare male le cose in Italia, dato dai tantissimi ammortizzatori (prima di tutto la salute gratuita); 

b) è verissimo che il costo della vita varia di più del 150% a seconda della zona del paese; 

c) è vero che da qualche parte bisogna pure partire e -per esperienza- è MOLTO difficile che ti offrano di più al primo impiego come dipendente, nelle zone “ricche” (Sao Paulo e Santa Catarina); 

d) è vero che devi fare il confronto con 1700 € meno le tasse; 

e) è vero che POTENZIALMENTE è possibile ottenere il riconoscimento dei titoli (a patto di avere i 50-100 mila euro necessari per vivere 2-3 anni, fino a quando non ti arriva quel riconoscimento senza il quale non puoi lavorare e quindi mangiare); 

f) a tutto quanto detto aggiungo che come STRANIERO parti svantaggiato in tutto. I Brasiliani sono molto accoglienti fino a quando sei turista, ma quando si tratta di darti lavoro… la domanda diventa “perché a te e non a un Brasiliano?”. 

In generale credo sia MOLTO pericoloso partire per il Brasile senza avere da parte 50-100 mila euro per coprire le spese “impreviste” che vengono generate da problemi burocratici e di “assestamento”. In alternativa avere qualcuno (meglio famigliari) che ti offra vitto, alloggio, lazer, etc fino a quando non ti va “a regime” la tua nuova vita (sia da dipendente o da professionista). Il che può facilmente richiedere 2-3 anni e certo mai meno di uno e mezzo. 

Ho dato per scontato sia una perfetta conoscenza della lingua che una lunga frequentazione della cultura locale. Senza quelli sarebbe ancora più dura…

Con questo, ritorno personalmente a sottolineare: Il Brasile non è un paese per principianti.

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s